Yoga nidra: il sonno yogico

Il termine viene generalmente tradotto con yoga del sonno, ma non di sonno nel senso tradizionale (dato che una delle regole fondamentali di questa pratica consiste nel mantenere lo stato di veglia), semmai di uno stato di sonno dinamico, conscio, psichico.
Volendo citare Patanjali diremmo che Yoga Nidra è una forma di Raja Yoga e di Pratyahara (ritiro dei sensi) che può condurre a uno stato meditativo. Non è concentrazione. Durante lo Yoga Nidra si perde il contatto con il proprio corpo fisico, la mente rimane cosciente, ma diviene gradualmente unidirezionale e opera solo attraverso un canale sensoriale (quello uditivo). Con lo Yoga Nidra non entriamo in uno stato profondo di Pratyahara, ma rimaniamo in una linea di confine tra il piano psichico e quello cosciente, andando a coinvolgere la mente subconscia, deposito dell'ego, delle esperienze karmiche e dei relativi archetipi. 

 

SCOPRI ANCHE: